lunedì 30 marzo 2009

La sbriciolona di mia cugina Patrizia

Io e mia cugina...che coppia...lei ha la stessa età di mio fratello Angelo, ci leviamo appena due anni e quando eravamo più piccole lei faceva volentieri comunella con lui contro di me e le mie povere barbie... Queste foto ci ritraggono proprio tutti e tre il giorno del suo  8° compleanno intenti a giocare sia con giochi prettamente femminili...

...che in giochi prettamente maschili (notate la faccia soddisfatta di mio fratello)...

Senza fare retorica e frasi fatte, lei è per me la sorella che non ho... incredibilmente generosa e affettuosa con tutti quelli che le ricambiano anche solo la metà delle attenzioni che lei rivolge agli altri...ma adesso basta, andiamo al presente: eccoci ritratte davanti alla torta del suo compleanno e...
...ieri come oggi eccoci ritratte trentanni dopo, sempre davanti a una torta, sempre per il suo compleanno...
Auguri Patrizia...lascio a te la parola per spiegare come hai fatto questa torta buonissima che ha fatto saltare tutti i progetti di dieta!!!

Eccomi qui!

Oggi vi delizio con una rivisitazione golosa della "torta sbriciolona"....una torta tipica mantovana, mio cognato abita lì e ne mette una valigia quando fa le sue capatine a Palermo!

La sua caratteristica e' la friabilita', le BRISE ( briciole) grandi e piccole che si formano quando viene spezzata per essere servita. Ma secondo voi, da autentica siciliana, potevo accontentarmi di briciole secche????

E così, nonostante la dieta, decido di schiaffarci dentro uno strato di crema di ricotta su un letto di cioccolato gianduja....e spolverarci su, anzicche' zucchero a velo, pistacchi smacinati ! 

Certo, di versioni e ricette dell'impasto base in giro ce ne sono tante...questa e' la mia : 

FROLLA :300 gr farina - 120 gr burro - 100 gr zucchero a velo - 1 uovo - vanillina - 1/2 bustina di lievito

CREMA DI RICOTTA: 250 ricotta fresca - 100 gr di zucchero - goccine di cioccolato.

Mezza stecca di cioccolato gianduja - pistacchi frullati - mandorle bianche pelate

Mescolare farina + zucchero + lievito + vanillina + uovo, senza lavorare troppo l'impasto, pizzicandolo con le dita affinche' resti grossolano e sabbioso e il calore delle mani non ne faccia un composto  liscio e uniforme.

Montare con le fruste elettriche la ricotta e lo zucchero e unire alla fine abbondanti goccine di cioccolato.

Stendere sul fondo della teglia un disco di carta da forno e imburrare i laterali, quindi sparpagliarci su  meta' del composto in modo disordinato, spezzettarci su il ciccolato gianduja generosamente e versare la crema, lasciando un bordo asciutto tutt'intorno. Ricoprire con il resto delle briciole, quindi guarnire con le  mandorle e infine spolverando di pistacchio.

Infornate a 190° x circa 25 minuti, o comunque fino a doratura della superfice.

ecco il ripieno...buona davvero... 

e siccome la sbriciolona non è altro che un crumble italianizzato iscriviamo anche questa torta alla mia raccolta "crumble, amore al primo assaggio".
Alla prossima

Stampa la ricetta

sabato 28 marzo 2009

Arrivato il pacco della Compagnia

Ricordate un poco tutti il post che ho scritto il mese scorso sull'iniziativa lanciata dalla Compagnia del Cavatappi intitolata "La compagnia dei Blogger"? L'altro giorno ho finalmente trovato il tempo per fare l'ordine...
Non è stato facile perchè i prodotti sono tanti e tutti molto invitanti ma alla fine eccolo quì il pacco con la merce che ho ordinato e che mi è arrivato giovedì scorso, dopo appena due giorni. 

Imballaggio impeccabile per tutelare al massimo i prodotti...

Ed eccoli nel dettaglio:
5 pacchi di Pasta di Gragnano (calamaretti, tagliatelle, vermicelloni, pappardelle e mafalde)
Torroncini ricoperti
Crema al pistacchio
Patè di ricciola
Napolitans II Blend
Nocciole ricoperte di cioccolato extra
1 bottiglia di vino rosso Sierra del Prete

Sono rimasta molto colpita dall'aspetto della pasta, imbustata all'antica, ancora unita in unici fili lunghissimi!! La pasta spero di poterla cucinare presto, specialmente non vedo l'ora di provarla con il patè di ricciola...tutto sarà ovviamente documentato a dovere con la ricetta!!
A presto e un grazie particolare all'attento e impeccabile sig. Putignano.
Stampa la ricetta

venerdì 27 marzo 2009

Pasta con lenticchie, speck e castagne

Volevo partecipare alla raccolta di Mikamarlex intitolata "lenticchie & co." e ho cucinato questa zuppa di lenticchie con speck e castagne: sarà molto appreazzata da chi, come me, gradisce il contrasto dolce-salato.
Per due persone occorrono una decina di castagne secche a testa da tenere in ammollo in acqua dalla sera prima (quando è il periodo meglio ancora quelle fresche!), due fettine di speck, 120 gr di lenticchie e 100 grammi di pasta (io ho usato i lumaconi). Ho preparato un soffritto con carota e cipolla tritate finemente e unito lo speck tagliato grossolanamente per farlo rosolare. Ho unito poi le lenticchie, le castagne, allungato con acqua e fatto cuocere fino a 2/3 della cottura delle lenticchie unendo due cucchiaini del mio dado. Ho unito infine la pasta regolandomi con l'acqua occorrente per la cottura e infine servita con un filo di olio extravergine e un pizzico di pepe. Nella foto i lumaconi si confondono con le castagne...
Ed ecco il logo della raccolta di Mikamarlez del blog "I pasticci di memole"...

...e mi raccomando...non dimenticatevi della mia raccolta sul crumble....

Stampa la ricetta

mercoledì 25 marzo 2009

Pasta alla carrettiera

L'altro giorno avevo voglia di qualcosa di semplice...semplicissimo ... e mi è venuta in mente questa: la pasta alla carrettiera!!

Così banale che quasi non volevo postarla ma a volte postare una ricetta serve per promemoria. Cosa cucino oggi?? Ma guarda...è vero...chi ci pensava più a questa pasta? E' vero che di questa ricetta ognuno ha una sua interpretazione personale (questa è la versione della mia amica Evelin) ma si è concordi sulle sue origini. Un tempo i carrettieri, dovendo affrontare lunghi viaggi e non volendosi privare di un buon piatto di pasta, portavano con se pochi ingredienti facili da conservare e trasportare...questa è la mia versione...

In una padella riscaldare appena due spicchi di aglio, tagliati grossolanamente, con olio extravergine d'oliva. A fiamma spenta unire il prezzemolo e un poco di pepe. In un padellino a parte fare tostare il pangrattato con un cucchiaio di olio (mollica atturrata). Lessare gli spaghetti al dente, mantecare nella padella con l'olio e, una volta nei piatti, spolverizzare con la "mollica atturrata" preparata precedentemente... 

Non ve ne pentirete...


Stampa la ricetta

lunedì 23 marzo 2009

La mia prima raccolta: "Crumble...amore al primo assaggio..."

Ed eccovi, come preannunciato nel precedente post, la mia prima raccolta:
Crumble, amore al primo assaggio!

lamontagnaincantata.blogspot.com

Ho conosciuto queste deliziose bricioline quando, all'inizio della mia carriera di food blogger, mi sono imbattuta nella ricetta di Mariluna rimanendone completamente folgorata: crumble di pomodori e scamorza.
Il titolo infatti si riferisce proprio a questo....amore al primo assaggio, perchè l'ho rifatta tantissime volte e sempre con molto successo.

Inizialmente pensavo che il crumble si potesse fare solo salato. E invece no, ecco la versione dolce di Arietta : crumble ai frutti di bosco, che mi ha spinto infine a indire questa raccolta.
Intanto, per ogni ricetta che ricevo, modificherò questo post inserendo tutti i collegamenti, ma in realtà vorrei raccogliere tutte le vostre versioni, dolci e salate, in un unico post a parte in maniera da inserire anche le foto.

Le regole sono le stesse di ogni raccolta indetta fino ad ora da voi e quindi:

1) postate la ricetta sul vostro blog inserendo nel post sia il logo dell'iniziativa sia il link a questo post.

2) lasciare il link della vostra ricetta come commento a questo post.
3) valgono le ricette già pubblicate, anzi, spargete la voce e tirate fuori dai vostri archivi più ricette possibili
4) possono partecipare anche non blogger, in questo caso speditemi la foto e il procedimento via mail: elenaland@inwind.it
5) la scadenza è per il 24 Maggio...diciamo che avete un paio di mesi.

Per incoraggiamento vorrei iniziare io con questa ricetta: crumble di cavoletti e taleggio, ricetta frutto della mia fantasia...

Per realizzarla occorrono: cavoletti di bruxelles, pancetta dolce, taleggio, 2 cucchiai di farina, 2 cucchiai di pan grattato, 2 cucchiai di parmigiano grattugiato, 30 grammi burro.

Ho dato una sbollentata di un quarto d'ora ai cavoletti ( e comunque secondo cottura desiderata), io avevo quelli freschi ma li reperite più facilmente congelati. Bisogna sbollentarli in acqua salata ugualmente.
Li ho scolati e posti nelle cocottine da forno, acquistate appositamente visto che cucino il crumble molto spesso, ho rigirato con un filo di olio d'oliva extravergine, unito il taleggio tagliato a tocchetti e i cubetti di pancetta dolce, rosolati precedentemente in una padella antiaderente senza l'aggiunta di olio, e infine ricoperto con il crumble ottenuto unendo la farina, il parmigiano e il pan grattato con il burro ammorbidito e lavorando con le mani il tutto fino ad ottenere le tipiche bricioline.
In verità, come mostra la foto, avrei dovuto finire con una passata di olio perchè, una volta in forno, è venuto un poco secco.

In forno le ho tenute circa 20 minuti, a 200° e comunque il crumble è pronto quando il sopra è ben dorato e il taleggio si è sciolto....
Molto molto buono davvero!!

Ultima cosa...d'ufficio iscrivo le due ricette citate sopra...anche se ancora non ho chiesto il consenso delle autrici...che corro a chiedere...
A presto e buon lavoro

Oltre a questo crumble partecipano alla raccolta: (in verde quelli salati e in rosa quelli dolci)
Crumble di pomodori e scamorza di Mariluna del blog Via delle Rose
Crumble ai frutti di bosco di Arietta del blog Muffin, cookies e altri pasticci
Crumble veloce con kiwi di Elisabetta del blog Panemiele.blog
Crumble di mele e mandorle del Cercat0re del blog Mani in pasta
Crumble con mele e frutti di bosco di Laura del blog I dolci di Laura
Crumble di zucchine e pane di Micaela del blog Il criceto goloso
Sbriciolata di mele di Michela del blog Pepe e peperoncino
Crumble con zucca, asiago e crudo di Michela del blog Pepe e peperoncino
Crumble di pere e nocciole di Germana del blog La terra dei violini
Crumble di patate di Camomilla del blog Fior di frolla
Crumble di pere, mele e cioccolato di Laura del blog I dolci di laura
Crumble di rabarbaro, mele e mandorle di Elisabetta del blog Panemiele.blog
Crumble di zucchine di Stefania del blog Buoni e veloci
Sbrisolona di Imma del blog Dolci a go go
Crumble di asparagi e formaggi morbidi di Alessandra del blog Gustosamente
Crumble di sarde di Micol del blog Forni e fornelli
Crumble di ciliegie al pistacchio di Giulia del blog Rossa di sera
Sbrisolona Dolce Elena di Chiara del blog Un pizzico di magia
Crumble banana fragola di Chiara del blog Un pizzico di magia
Crumble al rabarbaro con gelato di Castagna e Albicocca del blog Noci moscate
Apple crumble pie di Ago del blog Pane, burro e marmellata
Crumble di ciliegie con pasta alla ricotta di Furfecchia del blog Pan con l'olio
Crumble di zucchine e salmone di Antonella del blog Pane al pane...Vino al vino
Crumble di ananas di Antonella del blog Pane al pane...Vino al vino
Crumble di ciliegie di Pupina del blog Fragole e limone
Crumble con verdure di primavera e grani di senape di Elisa del blog Kitty's Kitchen
Stampa la ricetta

venerdì 20 marzo 2009

Quattro ricette per quattro raccolte...

Queste sono ricettine che ho pubblicato tempo fa e visto che se ne presenta l'occasione vorrei farle partecipare ad alcune raccolte di ricette indette in questi giorni.

...partecipano alla raccolta indetta da Stefi intitolata "Tutto in forno"

I Carciofi ammuttunati ...

...partecipano alla raccolta di Lady Cocca intitolata "Fior di carciofo"


...partecipa alla raccolta di Susina intitolata "Salads"


Le ricette nel loro post originale e i procedimenti per realizzarle li trovate cliccando nei rispettivi link così come nei link evidenziati trovate i dettagli delle raccolte delle nostre amiche blogger.
Con tutte queste raccolte è venuta voglia di farne una anche io e già qualcosa mi frulla per la testa....vediamo...ci lavoro un poco su e vi faccio sapere....
A presto
Stampa la ricetta

mercoledì 18 marzo 2009

Brownies al cioccolato e nocciole

Li vedevo sempre nei vostri blog e infine ho capitolato: ecco i miei brownies. Come spesso avviene quando riproduciamo una ricetta, mettiamo poi molto di nostro e così ho scopiazzato quì e quì ma alla fine ho stravolto tutto...così: ho fuso in una terrina 80 grammi di burro e unito, mescolando con un cucchiaio di legno, 35 grammi di cacao, 100 grammi di zucchero, 2 uova, 60 grammi di farina, mezzo cucchiaino di lievito, un cucchiaio di latte e le nocciole tritate grossolanamente.

Ho poi imburrato una teglietta quadrata piccolina (come suggerisce Francesca 12 per 7 cm)  e infornato 20 minuti a 200° (forno già caldo naturalmente). 
Conclusioni: mio marito li ha trovato molto buoni anche se credo che i veri brownies siano all'interno molto più morbidi per l'uso delle gocce di cioccolato che io ho sostituito con le nocciole. 
Io non ho potuto mangiarli per un attacco di coliche biliari (ogni tanto ci soffro da quando sono rimasta incinta di Davide)...posso solo dire...l'odore era buonissimo e invitante!!!

Alla prossima...
Stampa la ricetta

sabato 14 marzo 2009

Farfalle con crema di zucca rossa

Il condimento per questa pasta premetto subito che non l'ho fatto io, che ho solo realizzato il piatto finito. Mi è stato dato da una cara amica di famiglia (praticamente la considero una zia) che abita nel palazzo dove abita anche mia mamma. Ero passata a salutarla e l'ho trovata ai fornelli che stava rigirando sul fuoco una crema dall'odore e dall'aspetto molto invitante. Me ne ha dato subito una ciotolina per farmi anche io la pasta.  

Mi sono fatta spiegare il procedimento. Ha fatto sbollentare 500 grammi di zucca rossa tagliata a tocchetti in un poco di acqua salata. Appena pronta ha eliminato l'acqua in eccesso e passato con il minipimer. Ha poi unito 200 gr di mascarpone e aromi vari (pepe, noce moscata, prezzemolo) e fatto stringere ancora sul fuoco... (infatti l'ho beccata in questa fase)

Io a casa mi sono limitata a cuocere in abbondante acqua salata le farfallette, scolarle al dente e mantecarle nel condimento che lei mi aveva dato spolverizzando una manciata di parmigiano grattugiato

Ottima...grazie Ina!!!
Con questa ricetta vorrei partecipare alla raccolta solare di Gialla tra i fornelli

Lei chiede giustamente di motivare perchè questa ricetta rappresenta per me la solarità . Io la solarità la trovo nell'amicizia e in questo profumatissimo e solare mazzo di fresie, che offro a Ina in nome della nostra amicizia ormai ventennale...


Stampa la ricetta

giovedì 12 marzo 2009

Premi e meme amicizia. Sei un lettore del mio blog? Vieni a ritirare! E un premio anche al prossimo sostenitore!

E' da un po' di tempo che devo postare questo premio datomi dalla mia amica spagnola Anaiv . E stata una delle prime sostenitrici del mio blog e anche se non parlo spagnolo, ogni tanto mi collego nel suo blog e con poche parole sconclusionate le ricambio il mio affetto. Muchas Gratias


Questo premio lo giro a tutte/i e dico tutte e tutti i 49 lettori a oggi del mio blog più il cinquantesimo che si iscrive!  Non passo da tutti ma se lo siete, è per voi!
Altro premio da postare da un poco di tempo è quello che mi ha dato Chiara , una nuova amica e presenza costante del mio blog. Grazie mille davvero anche a te

Questo premio invece lo dono ad Anaiv, per ringraziarla e ricambiare l'amicizia.

Dida70 e Katty  invece mi hanno invitato a un meme....il mio primo meme da quando è nato questo blog...
ma soprattutto è un meme che viene girato in nome della nuova amicizia...e quindi questo mi fa ancora più piacere, significa davvero molto per me. Grazie mille anche a voi che mi ritenete vostra amica...
Devo elencare cinque cose a cui non so rinunciare e quindi anche io come loro escludo a priori (perchè ovvio)  l'amore per la mia famiglia mentre mi limito a elencare cose diciamo più materiali e frivole. Allora, non so rinunciare a:
1) viaggiare in compagnia della mia inseparabile macchina fotografica e dei miei trucchi;
2) il computer includendo quindi il collegamento internet, scaricare la posta elettronica almeno 15 volte al giorno e il mio adorato blog;
3) il mare in ogni senso (nuotare, passeggiare in riva, mangiare ciò che offre, a volte anche crudo!!)
4)I miei mici, fare loro coccole e viziarli a più non posso con il mio affetto;
5) non so fare a meno della lettura di un buon libro e ascoltare buona musica.
Ci sarebbe tanto e tanto altro ancora ma il meme ne prevede solo cinque così come a cinque persone devo passarlo. E allora, non so se l'hanno già ricevuto ma vorrei passarlo alle mie amiche, collaboratrici del blog di cucina: Martina,Mirtilla,Laura M., e Laura dolce e salata
Lei so che non potrà farlo ma glielo passo per dimostrarle il mio affetto e la mia vicinanza.
Manca  la quinta persona, ma come faccio ad assegnarlo? Sono tantissime le amicizie che in questo periodo ho trovato tramite i blog...Carolina, Romy, Marcello e sua moglie Domy, Anicestellato, Mary, Antonella, Elle, Manuela, Chiara...insomma siete tanti tanti, scusate ma davvero non riesco a elencarvi tutti.

                                                                      
Alla prossima
Stampa la ricetta

lunedì 9 marzo 2009

08 marzo 2009: ostriche al limone e spaghetti con vongole...sapore di mare!


...più di così non potevo chiedere...ma cominciamo dall'inizio.
Dopo tante giornate fredde e piovose (cosa a cui noi isolani non siamo affatto abituati), siamo stati graziati con una giornata deliziosamente primaverile. Per la verità era cominciata con mio marito che, secondo un ben preciso rito di iniziazione, faceva conoscere al mio bimbo quella diavoleria che porta il nome di playstation....

E no....non oggi che è la mia festa (si ok la mia festa è tutti i giorni direte voi, ma che male c'è ad avere la mezza scusa per festeggiare un giorno in più?)
E allora via...andiamo a prendere le vongole al vivaio dell'Addaura e prendiamo una bella boccata di aria di mare...ahhhhhhhhhhh... che goduria...

La riconoscete quella montagna sullo sfondo? La prospettiva è opposta ma è sempre Lei...

Mentre io rimango fuori a fare le foto, mio marito entra al vivaio e compra le vongole fresche, coltivate insieme alle cozze in vasche adiacenti al mare, quindi freschissime! Ma non potete capire che sorpresa quando, arrivata a casa da mia mamma (eravamo a pranzo da lei), ho aperto il sacchetto e oltre a queste...

ho trovato queste...

Le ostriche, le adoro, le trovo sublimi e mio marito lo sa...questa giornata è iniziata proprio bene...Ovviamente erano chiuse, a me l'arduo (mica tanto) compito di aprirle...
E così, mentre mamma prepara la pasta con le vongole e io do da mangiare a Davide, mio marito, facendo finta di andare a posteggiare la macchina, torna per me e mia mamma con...


Le fresie...adoro anche queste...cosa chiedere di più alla giornata? Semplice, il piatto di pasta con le vongole che mia mamma sta preparando...
Ecco come. Tenere le vongole circa un quarto d'ora in acqua per togliere il residuo di sabbia. In una ampia padella (o tegame) fare scaldare uno spicchio d'aglio in olio extravergine e gettare le vongole. Farle aprire a fiamma moderata facendo evaporare un quarto di bicchiere di vino bianco e unire poca polpa di pomodoro fresco e un poco di pepe. Il pomodoro deve servire solo per dare colore altrimenti copre il sapore di mare dato delle vongole. Una parte di vongole privatele della buccia mentre l'altra metà lasciatela per la presentazione. Scolare gli spaghetti al dente (cotti in acqua leggermente salata), maneggiarli con il condimento e servite con del prezzemolo fresco tritato.

La giornata è sempre splendida ed è un peccato sciuparla in casa. Il tepore del sole invita a fare una passeggiata, sempre vicino il mare. La meta? Mondello naturalmente...Questo è monte Pellegrino

Riuscite a vedere in fondo...? Si vedono le montagne delle Madonie imbiancate: che spettacolo suggestivo. Dalla foto non si capisce benissimo ma in lontananza svettava innevata anche l'Etna!!

Il porticciolo...

Sullo sfondo lo stabilimento balneare Charleston, risalente ai primi anni del '900 interamente il stile liberty...

Alle mie spalle il paesino di pescatori...

...meta preferita dai palermitani per una passeggiata e per il mare....ecco la mia mamma...

...e per finire questa splendida giornata in cui si celebra la Donna, un giro in giostra di Davide...il primo della sua vita!

Stampa la ricetta