domenica 31 gennaio 2010

Ecco come Sarei su Pandora

Se non avete visto il film Avatar vi consiglio di andarlo a vedere...naturalmente in 3d! Scoprirete un mondo magico dove viene voglia di andare a vivere

Stampa la ricetta

sabato 30 gennaio 2010

Piadina sfiziosa

Questa piadina è davvero deliziosa e potrebbe essere usata sia come antipasto che per una cena light!!! La piadina, quelle che vendono imbustate nei supermercati, va tagliata in quattro spicchi e tostata o in padella oppure con il grill del forno. Deve risultare come dicono a Roma "scrocchiarella". Infine ogni spicchio va condito con stracchino, crudo di parma, rucola e aceto balsamico.....

Guardate com'è invitante....

Stampa la ricetta

martedì 26 gennaio 2010

Cucina Etnica: il Pan di spezie

Delizioso questo pan di spezie dal colore dell'ambra. Ho trovato la ricetta in questo sito e mi sono lasciata convincere subito dal bel colore arancio. Ho modificato leggermente le dosi ed è venuto davvero buono, ottimo per accompagnare una buona tazza di te...

Ingredienti: 150 grammi di acqua bollente, 200 grammi farina bianca, 100 grammi di miele, 150 grammi zucchero, 60 grammi noci sgusciate e tritate, 50 grammi burro, 1 uovo, 1 cucchiaino cannella, 1 cucchiaino di noce moscata, 1 cucchiaino di zenzero in polvere, 1 chiodo di garofano tritato, 1/2 bustina di lievito.

Premetto che ho usato la planetaria perchè da quando l'ho comprata è la mia amica inseparabile in cucina...Unire all'acqua bollente lo zucchero e il miele, sciogliere il composto e fare raffreddare. A questo punto unire il burro a temperatura, l'uovo battuto, la farina setacciata con il lievito, tutti gli aromi e le noci tritate grossolanamente. Miscelare per bene e infornare a 170 gradi per 50 minuti, anche 60. Per queste dosi ho usato la teglia in silicone della Silikomart del diametro 18 e quindi non ho ne imburrato ne infarinato la teglia passaggio fondamentale per chi usa quelle tradizionali. Fare raffreddare, sformare e mangiare....

Stampa la ricetta

sabato 23 gennaio 2010

Frittelle di pane (pasta madre che avanza!)

Noi fan della pasta madre sappiamo bene cosa significa dover rinfrescare ogni settimana il prezioso panetto ed essere costrette a buttare quella in eccesso quando non abbiamo tempo per panificare...Tempo fa avevo visto questa ricetta da Francesca V. e l'avevo pure realizzata, ma impastando a mano mi erano venute una madornale schifezza!!! Le ho rifatte adesso grazie alla mia impastatrice e....sono venute deliziose, oltre ogni mia aspettativa.

Semplicissime da realizzare sostituiscono benissimo il pane durante i nostri pranzi e le fette biscottate durante la prima colazione. Le ho infatti gustate sia con un generoso strato di Nutella....che così... con provoletta e mortadella...

Insomma, io vi do la ricetta, voi provate e fatemi sapere....
Impastate nella planetaria 300 grammi di pasta madre non rinfrescata, un cucchiaio scarso di zucchero, un cucchiaino di sale e uno di bicarbonato. Prendete il composto con un cucchiaio e fatelo cuocere come una crepes in un padellino antiaderente a fiamma moderata rigirando appena il sopra si sarà riempito di bollicine. Gustate appena "sfornate" e se non dovete consumarle subito vi consiglio comunque di riscaldare le vostre frittelle prima di mangiarle.

Sono davvero soddisfatta perchè non dovrò più buttate la pasta madre in eccesso a ogni rinfresco...
Stampa la ricetta

mercoledì 20 gennaio 2010

Volete trascorrere una vacanza CHIC a Porto Rotondo (Costa Smeralda) a PREZZO CHOC?

Siamo praticamente in pieno inverno e la primavera è ancora lontana....figuriamoci l'estate!!! Eppure oggi è proprio di estate che voglio parlarvi e di un delizioso appartamento in Sardegna, situato precisamente a Porto Rotondo, deliziosa frazione marinara in provincia di Olbia e vicinissima alla ben conosciuta Porto Cervo. Di questo appartamento mia mamma ne ha diritto al soggiorno due settimane a luglio (le prime due all'incirca) ma quest'anno non potrà andare. Vorrebbe quindi affittarlo, (a prezzi contenutissimi credetemi, meno di cento euro a persona a settimana) per riprendere le spese che sostiene ogni anno per mantenerlo sempre in perfette condizioni di efficienza. Adesso guardate qualche foto,
QUESTO E' IL PARCHEGGIO INTERNO PRIVATO.

Per andare a fare il bagno nelle spendide calette della Costa Smeralda potete tranquillamente tenere la vostra auto parcheggiata (chiaramente il posteggio è gratuito e fa parte del residence) e usare un bus navetta che gratuitamente fa il giro di tutte le calette poste nelle vicinanze.
QUESTA E' LA RECEPTION

Adesso qualche foto dell'appartamento che preciso ha sei posti letto e due bagni.
QUESTO E' IL SOGGIORNO-CUCINA VISTO DAL LATO INGRESSO
Come si vede è molto luminoso ...

ED ECCO L'INGRESSO DOVE E' BEN VISIBILE L'ANGOLO COTTURA

QUESTA E' LA TERRAZZA CHE SI AFFACCIA DIRETTAMENTE SUL PORTICCIOLO DI PORTO ROTONDO

Ed eccola mia mamma, in una foto della scorsa estate, abbronzata da fare invidia....Come potete notare l'appartamento è situato a pochi passi dal porticciolo...

ANGOLO SOGGIORNO

UNA DELLE DUE CAMERE DA LETTO

UNO DEI DUE BAGNI


Prossimamente posterò altre foto relative all'ultimo soggiorno a Porto Rotondo e anche dell'appartamentino. Se siete interessati contattatemi alla mia mail elenaland@inwind.it oppure alla mail di mia mamma mariavittoria42@libero.it e vi darò tutte le informazioni di cui avete bisogno....il prezzo??? Siete pronti??? 500 EURO A SETTIMANA!!!!! Non c'è trucco, ne inganno... A voi la vacanza a prezzi contenuti, a mia mamma potersi rifare delle spese di gestione!Attenzione, ma solo per quest'anno....l'anno prossimo andrò io!!!!
Stampa la ricetta

sabato 16 gennaio 2010

Pasticcio di lasagne con crema di zucca rossa

Questo pasticcio di lasagne l'ha fatto mia mamma seguendo le indicazioni di una sua cara amica di vecchissima data nonchè comare: la iperattiva e sempre piena di risorse Graziella Castriciano. So che a volte, insieme alla figlia Germana, legge il mio blog e per questo ne approfitto per salutare tutta la famiglia Castriciano. Adesso la ricetta. Scaldare in una padella dell'olio e fare imbiondire mezza cipolla e due spicchi di aglio. Togliete quest'ultimo e unite circa 300/400 grammi di zucca rossa privata della buccia e grattugiata. Fare cucinare a fiamma lenta rigirando di tanto in tanto e aggiungendo se il caso un goccio di acqua. Regolate di sale e pepe e cuocete fino a che non sarà diventata una crema. Preparate a parte 1/2 litro di salsa bechamelle e tagliate a fettine un etto e 1/2 di provoletta dolce. Prepariamo a questo punto le nostre lasagne...queste...

In una teglia antiaderente (4 persone) iniziate con uno strato di crema di zucca e ponete i fogli di lasagne (sbollentate precedentemente oppure no, questo dipende dalle nostre abitudini) alternate strati di bechamelle, zucca e provoletta finendo chiaramente con lo strato di zucca. Infornare a 180 gradi per circa 1/2 ora oppure 20 minuti se avete sbollentato precedentemente le lasagne...Ma se la ricetta è di Graziella e l'ha realizzata la mamma...vi starete chiedendo...e tu che hai fatto??? Semplice....sono uscita dall'ufficio alle 14.00, sono passata da mamma a prendere prole e lasagne, sono tornata a casa alle 14.45 e....le ho divorate con una fame da lupi!

Buonissime...e la prossima sarà un'altra ricetta di Graziella realizzata da mamma...crocchette di baccalà!!!
Stampa la ricetta

mercoledì 13 gennaio 2010

Aroma di arancia in polvere

Ahhhhhhh, questa ricetta è proprio geniale, un uovo di colombo....L'ho vista nel blog di Patrizia - Dolcemente gustoso - e non ho esitato a ripeterla. Semplicissima, molto economica e genuina soprattutto.

Quante volte abbiamo usato le bucce degli agrumi per aromatizzare i nostri dolci, come creme o pan di spagna e a volte le abbiamo usate anche per aromatizzare il pesce o la carne (tipo spiedini)...o peggio ancora, quante volte abbiamo pulito la nostra arancia e buttato la preziosissima buccia colore del sole?? Nein Nein...D'ora in poi, dopo avere lavato ben bene il vostro frutto e asciugato, armatevi di pelapatate e togliete la buccia esterna, solo la parte arancione (o gialla in caso di limone o cedro) ottenendo così delle lamelle sottili. Ponete le scorzette in un microonde e stando attenti a non farle bruciare, fatele asciugare. Io ho alternato al microonde anche il grill. Insomma più o meno saranno rinsecchite così!!!!

Non rimane che frullarle e per ottenerne una preziosa polvere....setacciatela e ...oplà!

Polvere utilissima per le nostre ricette....che ne dite??
Io dico..Brava Patrizia!!

Stampa la ricetta

lunedì 11 gennaio 2010

Pasta fresca all'uovo...quella fatta in casa!!!

Sin da quando ero piccolina ricordo mia mamma che faceva (per le feste più importanti e quindi Natale o Pasqua) la pasta fresca all'uovo, esattamente le tagliatelle...com'era bella la cucina che si riempiva di farina da tutte le parti, e anche lei, la mia mamma...lei impastava e poi, con l'ausilio della macchinetta si creavano prima delle lunghe striscie di pasta, via via sempre più sottili e poi infine si tagliava la tagliatella vera e propria. A me il compito di girare la manovella. La pasta così ottenuta, lunghi fili carnosi e invitanti, si stendeva poi lungo un bastone di scopa posto tra due sedie (questo chiaramente per non fare attaccare i fili tra di loro) e poi.....finalmente veniva l'ora di cucinarla e mangiarla. Ebbene, anche se con modalità diversa, mia mamma per l'Epifania ha fatto le sue famose tagliatelle, questa volta da sola, ma grazie all'aiuto di una più moderna macchinetta per la pasta dotata di motorino....Il sapore però è sempre quello!!!
Se abbiamo l'impastatrice e la macchinetta adatta, realizzare le tagliatelle non è proprio difficile. Calcolate a testa 1 uovo e 100 grammi di farina 00. Impastate per bene, magari con l'aiuto dell'impastatrice, e stendete la pasta sottile come una sfoglia. Chiaramente se dovete stenderla con il mattarello diventa un tantino più complicato. Ma non impossibile soprattutto se la quantità è poca. Come dicevo stendete una sfoglia sottile, ma non troppo, passate la farina lungo tutta la superficie della pasta, arrotolatela molto larga, come un cilindro e tagliate con un coltello affilato le tagliatelle.... infarinate per bene se non dovete cuocerla subito altrimenti la troverete tutta ammassata. Per il condimento....un classico, magari banale dare la ricetta: fate rosolare in una noce di burro del prosciutto tagliato a dadini, unite i piselli lessati e salati e a fiamma spenta aggiungere la panna, un goccio di latte (per non fare asciugare troppo il condimento durante la maneggiatura della pasta) e del parmigiano grattugiato. Mamma mia, che goduria.....sapore d'altri tempi!!!

Stampa la ricetta

giovedì 7 gennaio 2010

Pollo ripieno con frutta (secca e fresca)

Come detto nel precedente post, l'Epifania, ovvero la chiusura di tutte le feste l'ho trascorsa a casa da mia mamma e in compagnia di mia suocera. Nel migliore dei modi quindi anche perchè mia mamma ha cucinato un pollo ripieno davvero originale. Un pollo da tenere a mente ...per le prossime feste!!!!

Ingredienti: Un pollo o un tacchino (svuotato internamente ma non disossato), per ogni chilo di pollo calcolate un etto di castagne cotte nel latte, un etto di noci sgusciate, un etto di prugne secche rinvenute in acqua tiepida, un etto di mela, brodo vegetale (facoltativo). Aromi: Sale, pepe, chiodi di garofano, rosmarino, olio extravergine d'oliva.
Procedimento: massaggiare un pollo o un tacchino esternamento con olio e sale e rosmarino. Dentro massaggiare la carne con olio e chiodi di garofano ridotti in polvere. Sbollentate le castagne nel latte e ridurre la mela a dadini. Unite anche le noci sgusciate e le prugne. Inserite tutto il composto dentro il pollo. In genere chi vi preparerà il pollo avrà lasciato una insenatura. A questo punto potete cuocerlo in due modi: rivestito di carta stagnola, in forno caldo a 180° per circa due ore (se il pollo è di due chili come il mio) oppure sempre in forno caldo a 180° bagnandolo di tanto in tanto con del brodo vegetale e rigirandolo a metà cottura. Per servire aprite il pollo al centro, tagliatene dei pezzetti e servite con accanto il composto interno.

Stampa la ricetta

martedì 5 gennaio 2010

E dopo le feste...riposiamo lo stomaco. Pasta con le patate a spezzatino

Sono felice che abbiate gradit0 il mio piccolo regalo. Mi spiace che non a tutti è stata chiara la visione della mia stellina cadente, molto dipendeva dai monitor e soprattutto ha perso molta chiarezza con la riduzione della risoluzione della foto. Chi la volesse vedere bene me lo dica che spedisco la foto in originale. Vi assicuro che ne vale la pena!!
Come dicevo, durante le feste (anche se domani è l'Epifania e chiuderò il ciclo in casa da mia mamma) è sempre meglio far riposare lo stomaco con delle minestre. Semplicissima e molto gustosa è questa pasta con le patate a spezzatino. Non chiedetemi perchè in famiglia questa pasta è chiamata così ma è l'unico modo che ho per intenderla.
Ingredienti: 1 patata media a testa pulita e tagliata a cubetti, 50 grammi di pasta a testa, una bustina di zafferano a fili, mezza cipolla tritata finemente, prezzemolo, olio, sale, pepe.

Procedimento: stufare la cipolla in olio extravergine d'oliva (aggiungendo cioè un poco di acqua dopo averla imbiondita, serve per non farla bruciacchiare), unire le patate tagliate a dadini e insaporirle velocemente. Aggiungere un cucchiaino di dado granulare, allungare con poca acqua, fino a coprire le patate e portare, a fiamma dolce, a ebollizione. Fare cucinare circa 5/7 minuti, allungate con acqua tiepida e al nuovo bollore unire anche la pasta. Regolate di sale. Qualche minuto prima che la pasta raggiunga la cottura aggiungere lo zafferano a fili tostato e ridotto in polvere. Servire con un ciuffetto di prezzemolo e del pepe.

P.S.
Lo stomaco ringrazia :-)
Buona Epifania a tutti!
Stampa la ricetta

sabato 2 gennaio 2010

Un regalo per voi: l'ultima luna dell'anno...cosa notate nella foto di straordinario?

La sera di San Silvestro l'ho trascorsa serenamente a casa in compagnia di mio marito, mio figlio, mia mamma e mio nonno. Circa mezz'ora prima della mezzanotte mi affacciai alla finestra e fui colpita dalla splendida luna piena che illuminava il cielo come fosse mezzogiorno. Presi la macchina fotografica e le feci uno scatto, uno solo...quale stupore quando passai la foto al computer...rimasi a guardare la foto alcuni minuti incredula di cosa ero riuscita a catturare involontariamente....Vi giuro...non ho modificato la foto

Notate niente di straordinario?? Vi aiuto...guardate bene a destra a ridosso del bordo della foto...Se riuscite a vedere quello che vedo io esprimete un desiderio....questo è il mio regalo per voi per augurarvi un felice e sereno anno 2010.
Io il mio l'ho espresso....appena si realizzerà....ve lo confido......!!!
Elena



Stampa la ricetta