giovedì 28 febbraio 2013

Mollame di maiale al forno allo Za' atar

Se siete in cerca di sapori nuovi e di ricette semplici....questo secondo piatto fa per voi, ma dovete mettervi anche alla ricerca.....dello za' atar, una spezia libanese squisita e molto stuzzicante a base di timo, origano, maggiorana, semi di sesamo tostati. Non è semplice trovarla e il mio prezioso sacchetto me l'ha comprato mia cognata a Roma da Castroni di via Cola de Rienzo. Quindi, se trovate queste spezie fatene scorta, non ve ne pentirete perchè sono utilizzabili sia con dei secondi di maiale, come in questa ricetta, ma soprattutto con il pollo.

Ingredienti:2/3 fettine di mollame di maiale, un cucchiaio abbondante di za'atar, cinque cucchiai di pan grattato, sale, pepe, olio extravergine d'oliva. Per contorno peperoni arrosto.
Procedimento: passare le fettine di mollame di maiale nell'olio, gocciolarle per bene e ripassarle in un mix di pangrattato e za'atar ( aggiungete anche il sale e il pepe). Cuocere la carne in padella o su piastra di ghisa fino a cottura. Servite con peperoni arrosto conditi semplicemente con olio extravergine, sale e pepe.

P.s.
Se qualcuno a Palermo fosse a conoscenza di dove potere comprare lo za'atar me lo faccia sapere. Grazie!
Stampa la ricetta

giovedì 21 febbraio 2013

Crema miele e nocciole per una squisita prima colazione

Deliziosa scoperta questa crema di nocciole riuscitami solo in parte rispetto all'originale. Un giorno una cara collega di nome Rita, una donna semplice, generosa, mamma di cinque figli, di cui tre sotto gli otto anni, piccola piccola d'aspetto ma che racchiude dentro una grande fonte di energia è venuta in ufficio con del pane e un barattolo di una crema deliziosa. Una crema prodotta da un suo amico fatta con miele e nocciole. Non vi dico che deliziosa colazione abbiamo fatto, un ritorno ai sapori semplici e genuini, proprio come Rita che prepara per la sua famiglia yogurt e pane fatto in casa. Come farà con una famiglia così numerosa proprio non so, c'è davvero d'ammirarla. Purtroppo la persona che produce questa delizia ha esaurito le nocciole del suo terreno e per averne un barattolo originale dovrò aspettare il prossimo anno. Ho provato però a realizzarla io. Non era la stessa cosa ma ho ottenuto qualcosa di ugualmente molto buono, tanto da presentarvelo nel blog

Ingredienti: 50 ml di miele d'arancio, 50 grammi di granella di nocciole tostate.
Io non ho aggiunto altro e mi sono limitata a mischiare i due ingredienti evendo cura di sciogliere a bagnomaria il miele. E così ...ho fatto colazione.....


Stampa la ricetta

mercoledì 13 febbraio 2013

Spaghetti alla crema di gamberetti e brandy (GZ)

Tra me e questo piatto di spaghetti si è subito instaurato un ottimo rapporto...a prima vista, anzi al primo assaggio, avvenuto a casa dei miei celebri compari Karin e Luigi. Una delizia, un primo raffinato e dallo straordinario e accattivante colore rosa e neanche tanto difficile da realizzare. Diciamo che con poco fate davvero un figurone a tavola, come l'hanno fatto loro. L'ispirazione viene dal collaudatissimo sito Giallo Zafferano

Ingredienti per quattro persone: 300 grammi di gambero rosa sgusciato (GZ scrive surgelato ma io vo consiglio di comprarlo fresco...è tutta un'altra poesia), 3 cucchiai di passata di pomodoro, 150 ml di panna da cucina, 100 ml di brandy, 2 spicchi di aglio, olio extravergine d'oliva (per me Dante), prezzemolo tritato, pepe e naturalmente 350 grammi di spaghetti anche se sono più indicate le fettuccine.
Procedimento: in una padella antiaderente scaldate l'olio e fate dorare l'aglio che toglierete subito dopo. Saltare i gamberetti con il brandy e appena si sarà asciugato un poco unire la panna e la salsa di pomodoro, il prezzemolo tritato finemente e regolate di sale e pepe. Amalgamare bene il tutto, spegnere la fiamma e prelevare 1/3 del condimento: frullarlo per bene. Aggiungerlo nuovamente al condimento.

Non rimane che scolare la pasta al dente e farla saltare qualche minuto con il condimento nella padella. Se necessario aggiungete un mestolino di acqua di cottura della pasta. Servite decorando con altro prezzemolo.

Per secondo i compari hanno servito polpo lesso con patate...ma questa è un'altra storia...
Stampa la ricetta

giovedì 7 febbraio 2013

Chiacchere, o meglio PHrappe geniali con copyright


 Che non abbia ancora pubblicato una ricetta di carnevale mi sembra davvero indecente, soprattutto se questa ricetta l'ho ripetuta già quattro volte in meno di due settimane. Geniale, furbissima e velocissima questa ricetta per fare le frappe o meglio PHrappe l'ho rubata alla mia cara e affidabilissima Stefania. Pensate, due soli ingredienti e una friabilità disarmante...ne fanno davvero la ricetta migliore di chiacchere che abbia mai provato.
Ingredienti: 100 grammi di philadelfia, 90 grammi di farina, mezzo cucchiaino di lievito per dolci. Finito...si avete letto bene...a....naturalmente zucchero a velo per la copertura e olio di semi per friggere.
Procedimento: miscelate la farina con il lievito e impastate per bene con il philadelfia fino a ottenere un panetto liscio ed elastico che terrete mezz'ora in frigo. Prendete piccoli pezzetti di impasto, stendetelo sottilissimo con un mattarello su una spianatoia infarinata, tagliate con tagliapasta e friggete in olio bollente.

Appena fredde spolverate con zucchero a velo e offrite: mi raccomando....desistete dalla tentazione e non tenete per voi il segreto di tanta croccantezza, leggerezza e friabilità....si farebbe un torto alla bravissima Stefania!

Stampa la ricetta

sabato 2 febbraio 2013

Le mie creazioni in tricotin

Da qualche settimana mi ha preso una irrefrenabile passione...quella del tricotin. Tubolare di lana o cotone ottenuto con un rocchetto, chiodini e uncinetto oppure ottenuto grazie a una piccola macchinetta a manovella. E con questo tubolare mi diletto a creare con la mia mamma collane, scaldacollo e bracciali impreziositi da elementi in argento indiano e swarovski. Cosa ne pensate?

 
 
 
 





















 


Stampa la ricetta