sabato 27 aprile 2013

Zucchina tonda ripiena con pomodoro e pecorino toscano filante

Lo ammetto, ho un debole per le zucchine tonde perchè  si possono riempire in mille modi diversi e danno modo di sfogare la fantasia. E poi sono semplici da cucinare ma di grande effetto.

Ingredienti per due: due zucchine tonde, due pomodori rossi a grappolo medi, 100 grammi di pecorino toscano, un quarto di cipolla, sale, pepe, una manciata di pan grattato, olio extravergine d'oliva.
Procedimento: tagliare il cappelletto della zucchina e svuotarla del suo contenuto, della polpa insomma che terrete da parte. Cuocetele capovolte a testa in giù a vapore. Io ho usato la praticissima vaporiera-couscousserie. Nel mentre in una ampia padella stufate la cipolla tagliata a fili in olio extravergine d'oliva. Aggiungete la polpa della zucchina tagliata grossolanamente e anche la polpa del pomodoro grattugiata. Fate andare a fiamma lenta per circa 15 minuti. Tagliate il formaggio a dadini e aggiungete soltanto a condimento freddo. Regolate di pepe e pochissimo sale. Il formaggio è gustoso.

Riempite con questo composto le zucchine cotte e raffreddate e cospargete con pan grattato.

Infornare per cinque minuti, giusto il tempo di far sciogliere il formaggio e far dorare il pan grattato



E con questa deliziosa ricetta vi auguro un buon week-end
Stampa la ricetta

lunedì 22 aprile 2013

Couscous al pistacchio con zuppa di pesce

Il pistacchio...lo metterei davvero da per tutto e questa volta credo di avere creato un abbinamento sublime: pistacchi, couscous e pesce. Di questa ricetta possiamo avere la versione fast (couscous precotto e preparato pronto di pesce) e la versione long (couscous incocciato e pesce fresco). Siccome vorrei dedicare un post a parte sull'incocciatura del couscous diciamo che facciamo metà e metà. In questa ricetta useremo il couscous precotto e la zuppa fresca

Ingredienti per 2: 160 grammi di couscous precotto, 180 di acqua calda, sale, due cucchiai di olio extravergine, un cucchiaio abbondante di crema di pistacchio. Per la zuppa: una ventina di cozze, 200 grammi di polpa di calamaro, una ventina di vongole,  una ventina di gamberetti (già sgusciati), polpa di tre pomodori medi maturi, prezzemolo, una spruzzata di vino bianco, due spicchi di aglio, due cucchiai di olio extravergine d'oliva, sale q.b. e un pizzico di peperoncino.
Procedimento per il cous cous: tostare i grani del couscous in una padella ampia e antiaderente. Spegnete la fiamma appena avrà assunto un colore brunito. Aggiungete l'olio, amalgamate per bene e successivamente aggiungete l'acqua calda e poco salata. Coprite e ogni tanto, per i cinque minuti successivi, sgranate con una forchetta. Appena pronto aggiungete la crema di pistacchio e amalgamate bene il tutto. Lasciate riposare

Procedimento per la zuppa: pulite il calamaro e tagliatelo a dadini. In una pentola dai bordi alti unite le cozze e le vongole e fatele aprire a fiamma lenta e con un coperchio. Appena pronte sgusciatele, unitelo all'altro pesce. Filtrate l'acqua delle cozze e vongole e tenete da parte. In una ampia padella fate colorire nell'olio extravergine d'oliva l'aglio. Toglietelo e aggiungete il calamaro. Fate sfumare velocemente con il vino bianco. Aggiungere a questo punto la polpa di pomodoro grattugiata e l'acqua dei molluschi. Fate cuocere per circa 10 minuti. A fine cottura aggiungete le cozze, le vongole e i gamberetti. Regolate di peperoncino o pepe secondo gusto personale. Essendo una zuppa a fine cottura non deve risultare eccessivamente ristretta. Condite con questa salsa il couscous e decorate con prezzemolo fresco tritato.


Stampa la ricetta

lunedì 15 aprile 2013

Linguine con pesce spada e melanzane

Buongiorno cari amici, vi auguro di iniziare proprio bene la settimana. Da parte mia vi do un suggerimento per il pranzo: un delizioso piatto che come pochi coniuga il sapore della terra e del mare in maniera straordinaria. E sa decisamente di sicilia, della mia terra, terra dai sapori forti e contrastanti: melanzane e pesce spada.....un connubio perfetto


Ingredienti per due: 180 grammi di linguine, 200 grammi di melanzana, 150 grammi di polpa di pomodoro (fresco no pelato in latta), 100 grammi di pesce spada, olio extravergine d'oliva, olio per friggere, 60 ml circa di vino bianco, uno spicchio di aglio, foglie di menta, sale e pepe (dosi indicative variabili secondo gusto personale). Con queste dosi condite anche 3 piatti di pasta...
Procedimento: sbollentare i pomodori rossi  giusto il tempo per potere togliere la buccia e tagliare la polpa a dadini. Tagliate a dadini pure il pesce spada e fate lo stesso con la melanzana: tagliatela a dadini, tenetela circa un quarto d'ora in acqua e sale, strizzate per bene e friggete in olio. Scolare dell'eccesso di olio su carta assorbente.

In una padella ben capiente fate scaldare l'aglio in tre cucchiai di olio extravergine; toglietelo e aggiungete i dadini di pesce spada. Sfumate con il vino bianco e fate cuocere un paio di minuti. Aggiungete la polpa di pomodoro e fate cuocere ancora per circa cinque minuti a fiamma dolce. Regolate di sale, pepe, aggiungete le foglie di menta e a fiamma spenta aggiungete le melanzane precedentemente fritte.

Scolate la pasta ben al dente e mantecatela nel condimento per un minuto per farla insaporire per bene. Espressione poco felice ma ci sta tutta ... questa pasta farebbe rinvenire pure i moribondi!!!!



Alla prossima
Stampa la ricetta

giovedì 11 aprile 2013

Muffin alla macedonia di frutta e zucchero muscovado

 
Voglia di dolce,  voglia di qualcosa di nuovo ma nessuna voglia di impazzire dietro troppi ingredienti:

  
Ingredienti: Una busta di preparato per torta margherita, 3 uova, 120 ml di olio di semi, una lattina di macedonia di frutta sciroppata (in alternativa preparate voi un macedonia con la frutta che più vi piace), zucchero di canna muscovado.
Procedimento: Accendere il forno a 160°C. Versare in una terrina il preparato della busta, aggiungere le uova e l’olio. Mescolare con un cucchiaio di legno per 5 minuti o con lo sbattitore elettrico per 2 minuti sino ad ottenere una pasta morbida ed omogenea. A questo punto aggiungere la macedonia di frutta ben scolata dello sciroppo e un cucchiaio di zucchero muscovado. Mescolate con un cucchiaio di legno delicatamente

Distribuire il composto in uno stampo in silicone per muffin oppure negli stampini monouso. In quest'ultimo caso abbiate cura di rivestirli con le cartine adatte. Spolverizzate sopra ad alcuni lo zucchero muscovado che servirà per dare un leggero sentore di liquirizia, caramello e miele. Cuocere per 30 minuti circa, mettendo i muffin sulla griglia più bassa del forno.
Togliere dal forno, far riposare 10 minuti, levare dalla tortiera
Per quelli bianchi spolverizzate con zucchero a velo appena freddi


Per quelli neri (con lo zucchero muscovado) l'effetto finale sarà questo. 

Stampa la ricetta

mercoledì 3 aprile 2013

Carciofi fritti a spicchi

Tempo di carciofi già da un poco ma non essendo tra i miei ortaggi preferiti li propongo molto di rado nella mia cucina...a meno che...mio marito non ne prenda dieci in offerta e si "arricampa" a casa  con un bel sacchetto pieno. E allora carciofi siano. Che mi invento? Qualcosa di stuzzicante come questo contorno

Ingredienti: 2 carciofi, un uovo, farina q.b., olio per friggere, sale e limone.
Procedimento: pulire i carciofi privandoli delle foglie più dure e fermatevi appena le sentite morbide e comunque chiare alla base. Tagliate anche il gambo lasciandone giusto una codina. Tagliate il carciofo a metà e ogni metà in quattro/cinque spicchi. Tenete in ammollo in acqua e limone. Battete in una ciotola l'uovo e in un altra ciotola ponete la farina

Riscaldate per bene l'olio e appena caldo prendete uno spicchio di carciofo, strizzate delicatamente per togliere l'eccesso di acqua, passate nell'uovo battuto, nella farina e friggete a poco a poco. Tenete quindi su carta assorbente.

Regolate di sale. Sono ottimi sia caldi che a temperatura ambiente. Questo è quindi uno di quei piatti che possiamo preparare in quantità prima e servire al momento opportuno perchè non importa se questi carciofi verranno serviti un poco "riposati". Anzi, sono più gustosi. E tenerissimi....e faranno un volo!


Stampa la ricetta