giovedì 25 giugno 2009

Crostata al pistacchio e gelo di anguria

...o meglio gelo di MELLLLONE. E si, perchè in sicilia quel delizioso frutto dalla buccia spessa e verde e che nasconde un cuore rosso e dolcissimo, chiamato comunemente anguria o cocomero, in sicilia diventa MELLLLONE!!!
Come vi scrivevo nel precedente post, i festeggiamenti per il mio compleanno sono iniziati il giorno prima, sabato 20, con una splendida giornata passata con i miei cugini Patrizia e Giuseppe e i figli Marco e Monica al villino di Punta Raisi. Per l'occasione, oltre la pasta al forno e carne arrostita alla brace la mia cuginetta mi ha preparato una crostata DIVINA...
Lascio a lei spiegare passo passo la ricetta perchè il merito di quello che vedrete è tutto suo e frutto della sua vivacissima fantasia...

Indovina indovinello dell'estate...giusto per verificare se state attenti.....cosa infila in ogni ricetta la cuginetta di Elena??

Se avete risposto PISTACCHIO avete ottenuto il punteggio massimo, per cui siete affezionatissime amiche del blog !
Ma stavolta l'ho reso ESTIVO unendoci un'altra delle mie passioni IL GELO DI MELLONE !!!!
Tipica crema siciliana che delizia i palati, riempe le crostate e si gusta a grandi cucchiaiate!
Solitamente è aromatizzata con essenza di gelsomino, ma la mia versione non la prevede, io preferisco sostituirla con la vanillina.....e l'altra caratteristica è mischiarci, una volta fredda, le goccine di cioccolato, che simulano i semini neri del protagonista in questione!

Ovviamente, tengo a sottilineare, per chef e pasticceri sintonizzati, che la mia è solo una umile versione casalinga, che in ogni caso riscuote un discreto successo....
E dunque....dovete procuravi della polpa di anguria e con estrema pazienza eliminare i semini neri da ogni pezzo che taglierete e che metterete direttamente nel boccale del frullatore e azionandolo, dovrete ottenere 1 litro di succo polposo.
Nella casseruola dove cucinerete la crema, versate 100 gr di amido, 100 gr di zucchero (se l'anguria non è eccezionale...anche un pò di più...) e una bustina di vanillina.
A questo punto, fuori dal fuoco, versate a filo e lentamente il succo ottenuto, iniziando ad amalgamarlo con gli ingredienti in polvere con una frusta. Mischiate bene una volta che lo avrete messo tutto e spostate sul fuoco, fiamma medio-bassa, rigirando sempre e non allontanandovi dai fornelli!
Poco dopo vedrete formarsi la crema, pochi minuti rigirando e sarà il momento di spegnere il fuoco. Fate freddare e unite le goccine di cioccolato (non prima, si scioglierebbero rovinando il colore della crema).

Vi assicuro che già a questo punto viene voglia di gustarla a grandi e golose cucchiaiate, ma desistete...dovete riempirci la crostata!
In una ciotola impastate 450 gr di farina, 120 gr di granella di pistacchio, 100 gr di burro morbido, 150 di zucchero, 150 gr di latte, mezza bustina di lievito x dolci e una bustina di vanillina...se l'impasto risulta umido unite pochissima farina. Foderate una teglia con la pasta ottenuta, riempitene il fondo con tocchetti di cioccolato (fondente o al latte, come preferite).

Versatevi il gelo di mellone.

Create le tipiche striscette da crostata e infornate a 180° x circa 30 minuti, controllandone la doratura.

Un piccolo suggerimento....questa torta si gusta meglio una volta riposata, anche il giorno seguente perchè la frolla assorbe il gelo e la rende morbida e più saporita!

Ve lo prometto...la prossima ricetta NIENTE PISTACCHIO !!!!!
Stampa la ricetta

25 commenti:

ilcucchiaiodoro ha detto...

adoro quando a colorare i cibi ci pensa la natura e non i coloranti,sembra davvero ottima! Brava

maggye ha detto...

La crostata più fresca che ci sia! Moltooo bella!

Micaela ha detto...

originalissima questa crostata!!! copio subito la ricetta! un bacione

Dida70 ha detto...

QUESTA CROSTATA è UN MITO!!!
unisce due ingredienti che mi fanno impazzire! pistacchi e anguria, sai da quanto tempo sogno il gelo di mellone? da quando tanti ma tanti anni fa lessi La lunga vita di Marianna Ucrìa, di Dacia Maraini, io adoro le scrittrici siciliane e lei descriveva con impareggiabile maestria queste bontà siciliane ... ah prima o poi mi dovrò decidere a fare la pazzia e prendere il traghetto per la mia isola dei sogni! ora petrò so come utilizzare quel pacchetino di pistacchi di Bronte che mi è stato regalato!!!
grazie Elena e Patrizia!
un abbraccione
dida

Dida70 ha detto...

...allora scusatemi ma mi sa che romperò un pò pe stà ricetta ma ... ho letto bene che nella frolla non ci sono uova? e poi nel gelo non si vedono le goccine di cioccolato, per questa crostata non li hai messi vero?
grazie mille
sempre dida!

Morena ha detto...

Che colori incredibili che ha questa crostata!!Meravigliosa...
adoro l'anguria ed adoro il pistacchio..peccato che qui non ricordo più quanti anni sono passati che ho mangiato un'anguria buona ed i pistacchi per fare dolci manco con la lente si trovano...uff...me ne mandi una fettina???

Federica ha detto...

ma questa crostata è favolosa!! colori bellissimi e chissà che buona!!complimenti!

Elisakitty's Kitchen ha detto...

I miei complimenti con questa ricetta ti sei proprio superata Elena. Prima di tutto la frolla al pistacchio deve essere sublime! Secondo poi la crema fatta conl'anguria è tutta da provare!
L'effetto cromatico che ne viene fuori è da applauso!

Ago ha detto...

bellissima!!!
Mi ha sempre incuriosito il gelo di anguria, devo provare a farlo!
Bravissimissimaaaa
Elena volevo chiederti una cosa: sai per caso come si fanno le Iris con il ragù?
Vorrei provarle a fare, ma non ho idea di come si debbano fare...la pasta che c'è fuori è sempre quella delle brioscine?
Tantissimi bacioniii
Ago :-D

marsettina ha detto...

peccato che qui da noi non si trovino pistacchi,è un 'idea originale!

manu e silvia ha detto...

Ciao! ma è stranissimo!! e che colori particolarissimi!
certo che di stranezze ce ne sono dalle vostre parti!!!
saremmo proprio curiose di sentirne il sapore...non riusciamo neppure ad immaginarlo!
un bacione

katty ha detto...

per me questa è una vera novità!!!
bellissimi i colori della tua crostata complimenti!!!!

Elena ha detto...

Girerò i complimenti alla mitica patrizia....
@ dida: Patrizia mi ha detto che ha dimenticato di mettere le goccine di cioccolato perchè, dovendo fare raffreddare prima il gelo ha poi scordato il passaggio!!!

Simo ha detto...

Che bella...che colori meravigliosi ed estivi!

Mirtilla ha detto...

ciao ele,
mi hai regalato una bella chicca per particolareggiare le crostatine al gelo di melone!!!
baci

Antonella ha detto...

Buonissimo il gelo, lo faccio anche io e lo mangio così come hai detto....a cucchiaiate!!! ;-9
certo che nella versione crostata pistacchiosa dev'essere una squisitezza incredibile!!!
Complimenti e tanti cari auguri in ritardo :(
Smack

Patrizia ha detto...

I vostri commenti entusiastici mi fanno gongolare come una bimba che prende un buon voto a scuola, vi adoro !!!! Grazie mille....e io che credevo di essere ripetitiva con il mio amato pistacchio !
Si ahimè ho dimenticato le goccine...però non ho dimenticato le uova nella frolla, non le metto quasi mai,preferisco il latte e il lievito che gli conferiscono morbidezza....infatti temo che "frolla" non sia proprio il nome che meglio le si addice...dovrò escogitare qualcosa!mmmh suggerimenti??? un bacio per tutte!

marifra79 ha detto...

Non avevo mai pensato ad una crostata così, bell'idea! Faccio anch'io i miei AUGURI (in ritardo!!)CIAO

Agave ha detto...

Che sintonia! Ho appena postato il gelo di mellone... Ma questa crostata è favolosa! Che colori e immagino che gusto! Auguri per il tuo contratto!!!
Evelin

minnie ha detto...

Che meraviglia!!!
Sono estasiata da questa meravigliosa torta!!!!!!!!
Devo assolutamente procurarmi quegli ottimi pistacchi!!!

Stefania ha detto...

Bellissima e coloratissima, e già che ci siamo coi superlativi (tutti meritatissimi) direi buonissima!
un bacione
Stefania

rosa maria ha detto...

Ho fatto la tua ricetta ed è squisita! Complimenti

Shamira Gatta ha detto...

no, no, continua con i pistacchi, questa ricetta è favolosa!!!!

Rosa ha detto...

Ho sempre fatto la crostata con il gelo di melone, ma l'idea di mettere il pistacchio nella frolla è super! Questo è il dolce preferito di mio figlio. Mi sa che glielo preparerò così per il suo compleanno che è fra pochi giorni.
Posso darvi un consiglio? Invece di frullare la polpa di anguria provate a passarla al passapomodoro, senza prima togliere i semini. Una volta passata, preferibilmente filtrate il succo sempre usando il passapomodoro. La crema verrà fine e vellutata.
Un abbraccio ad entrambe le cugine,
Rosa

Elena ha detto...

@Rosa grazie mille per il consiglio, proverò certamente