lunedì 30 novembre 2009

Bocconcini di pollo speziati (curry, garam masala e pimenton dulce)

...ovvero, quando l'oriente incontra il nord africa....

Ricetta tutta sperimentale quest'oggi ma di grande successo, per chi ama usare le spezie in cucina...ho mixato una ricetta di mio cognato Danilo con la mia fantasia e ne è uscito un piatto oltre che squisito anche molto bello a vedere o presentare. Per due persone ho messo a marinare una intera notte dentro il frigorifero 450 grammi di petto di pollo tagliati a dadini in una mistura di olio, limone, due cucchiai rasi di curry, uno di garam masala e uno di pimenton dulce.

Dopo le 24 ore ho eliminato, scolandolo, il liquido in eccesso. In un'ampia padella unta d'olio ho quindi messo il pollo a rosolare a fiamma molto dolce, stando attenta che tutti i lati si cuocessero. Ho poi aggiunto mezza lattina di pomodoro pelato a pezzettoni, allungato con pochissima acqua e fatto cucinare sempre a fiamma dolce per altri 15 minuti. Il piatto è praticamente pronto...

Andrebbe servito con qualcosa accanto, come nelle migliori tradizioni arabe (cous cous) o indiane (riso basmati)

Non avevo il riso basmati e ho ceduto al più versatile e rapidissimo cous cous precotto... Ne è venuto un piatto praticamente completo, ricco e molto colorato, che ho servito nel mio servizio arabo ... come dire...quando l'abito fa il monaco.....!!!!

Stampa la ricetta

venerdì 27 novembre 2009

Pasticcio di lasagne alle verdure superveloce

Questa squisitezza è tutta opera della mia mamma, che in un noioso pomeriggio di novembre ha deciso di scatenare la sua fantasia in cucina, e quando questo accade ci sono soltanto ottimi risultati!!

Di questo pasticcio abbiamo due versioni...quella superveloce:
una busta tris di verdure congelate (carote, broccoli e sparacelli), piselli congelati, una busta di salsa bechamelle pronta, lasagne all'uovo (quelle pronte della barilla) e 2 etti di prosciutto cotto.
Ovviamente la seconda versione, quella elaborata prevede le verdure fresche (da lavare e sbollentare), la preparazione della salsa bechamelle fatta in casa così come anche la pasta all'uovo fresca... Mia mamma ha praticamente preso le verdure congelate e la bechamelle pronta e si è dedicata a fare la pasta fresca all'uovo e questo mi sembra un ottimo compromesso.
Ha fatto scongelare le verdure (il tris e i piselli) e poi le ha passate in padella con una noce di burro. Ha quindi aggiunto la bechamelle (tenendone un poco da parte per la base e lo strato finale) e regolato di sale e pepe.

Nel mentre preparava la pasta fresca, ma per questo dedico un post a parte. Ha quindi steso un primo strato di bechamelle (senza le verdure) sul fondo di una teglia antiaderente, un foglio di lasagna, il prosciutto e uno strato di verdure e continuato così fino all'ultimo strato. Ha finito con la salsa bechamelle e una manciata di parmigiano grattugiato.

Ha quindi infornato in forno caldo a 180° per circa trenta minuti. Come ogni pasticcio fatto al forno...fate riposare nella teglia prima di gustare!!! E non sapete quanto l'ho gustato io: tornando dall'ufficio mia mamma me ne ha fatto trovare una porzione per me e mio marito da portare e mangiare a casa....sarà per questo...ma mi è sembrato BUONISSIMO!!!

Grazie mamma!!!
Stampa la ricetta

martedì 24 novembre 2009

Tortino caldo al cioccolato bianco e frutti di bosco

A volte mi va di pasticciare in cucina, altre volte molto meno... ero quindi alla ricerca di qualcosa di dolce ma di molto veloce per accompagnare il caffè del dopo pranzo della domenica e mi sono imbattuta in questo semplicissimo e gustosissimo Tortino caldo al cioccolato bianco di Rossa di Sera. Avevo tutto l'occorrente eccetto il frutto della passione che ho sostituito egregiamente con dei frutti di bosco. Ne tengo sempre un sacchetto nel freezer.

Entusiasmata al massimo mi sono messa all'opera proprio subito dopo pranzo, mentre mio marito finiva di riordinare la cucina. Per due tortini ho sciolto nell'apposito pentolino a bagnomaria 40 grammi di cioccolato bianco insieme a 40 grammi di burro. A parte ho frullato un uovo con due cucchiai di farina (avevo la manitoba...), 1 cucchiaio e mezzo di zucchero e un pizzico di sale. Ho poi unito i due composti. Nel mentre avevo imburrato e cosparso con zucchero a velo l'interno di due tortini di alluminio, quelli tondi e vi ho versato 2/3 del composto. Al centro ho posto un cucchiaino di frutti di bosco ancora congelati...

e poi ho coperto con il composto che avevo messo da parte.

Ho cotto in forno già caldo a 180° per circa 15 minuti e siccome l'alluminio ha il vizio di far rimanere le cose crude, o comunque poco cotte, ho tenuto i tortini nel forno spento ancora 10 minuti...

A questo punto il caffè era pronto...proprio caldo caldo... non rimaneva che sformare, fotografare e ...gustare...mmm...squisito!

...peccato che il caffè in tutto questo si è freddato!!!! ah ah ah...
Comunque, come immaginavo, questo tortino è davvero ottimo se abbiamo "VOGLIA" di qualcosa di dolce, da fare velocemente, per accompagnare un buon caffè o una buona tazza di te pomeridiana...

La ricetta che mi aveva ispirata è davvero molto diversa e per questo, come sempre, vi invito a curiosare la versione originale...

Infine devo comunicare che partecipo molto volentieri alla raccolta di Antonella Non lasciamoci infinocchiare

con queste due ricette : Finocchi colorati e Finocchi mediterranei
Stampa la ricetta

venerdì 20 novembre 2009

Pane con zucca rossa ( e lievito madre)

Questa la fonte di ispirazione...i panini con la zucca di Stella di Sale. Strepitosi!! Praticamente questo pane, insieme ai panini arabi, è quello che mi piace di più da quando utilizzo la pasta madre, guardate che bel colore...


Soffice e profumato e molto semplice da preparare. Ho modificato leggermente la ricetta di Stella di Sale perchè avevo a disposizione più zucca e quindi...io vi do la mia versione ma come sempre vi suggerisco di andare a vedere anche quella originale.
Ho cotto a vapore 250 grammi di zucca rossa e l'ho unita, sbriciolandola con le mani, a 200 grammi di pasta madre rinfrescata dal giorno prima, 250 grammi di farina di manitoba, 1 cucchiaino di zucchero, 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva e 1 cucchiaino di sale (quest'ultimo l'ho clamorosamente dimenticato, è venuto un pane chiaramente sciapiticcio, ma non mi è dispiaciuto).

Ho impastato il tutto e devo dire non ho dovuto aggiungere neanche un goccio di acqua perchè era già contenuta nella zucca che era cotta a vapore. Mi è venuto anzi un impasto leggermente appiccicoso. Ho fatto riposare per due ore e mezza in una ciotola dentro il forno spento.


Ecco l'impasto raddoppiato.

Ho quindi diviso l'impasto in cinque pagnottelle, cercando di maneggiare il meno possibile, ho ricoperto con farina rimacinata e fatto riposare nella teglia per mezz'ora.


Infine ho cotto in forno caldo a 180° per 35/40 minuti. Che splendore vederli gonfiare...in effetti mi sembravano inizialmente che avessero lievitato pochino e invece...

Sono deliziosi e se proprio volete saperlo...ieri ho rinfrescato la mia pasta madre e messo da parte 200 grammi per rifarli oggi stesso!!!


Mille grazie a Stella di Sale che si è cimentata in questo riuscitissimo esperimento!!!
Stampa la ricetta

mercoledì 18 novembre 2009

L'angolo di Patrizia: come ottenere la pasta di zucchero per dei decori...esplosivi!!

Eccoci al consueto appuntamento con la rubrica curata da mia cugina Patrizia....Questa volta ci spiega come ottenere la pasta di zucchero che serve per decorare le nostre torte. Come sempre, io le monto soltanto il pezzo nel blog, tutto il resto è opera sua compreso le foto e le didascalie: è tutta opera sua....Ho avuto però la fortuna di assaggiare la torta con il passeggino giallo...
CARE MAMME DEL BLOG, UNITEVI!
A QUANTE FESTE DI COMPLEANNO AVETE ACCOMPAGNATO I VOSTRI PARGOLI?
QUANTE TORTE DI COMPLEANNO AVETE ORDINATO PER I COMPLEANNI DEI VOSTRI PARGOLI?
SU! CONFESSATELO!
NON NE POTETE PIU' DEI SOLITI DECORI, DEI SOLITI RICCIOLI DI PANNA, DEI SOLITI NASTRI DI CARTA INTORNO AL BORDO, DELLE SOLITE OSTIE STAMPATE!
ANCHE IO, MAMMA COME VOI, STANCA DELLE BANALITA', CON IL GENE DELLA PASTICCERIA NEL SANGUE ( GRAZIE AL MIO PAPA' ) E GASATA DA AMICHE ADRENALITICHE PEGGIO DI ME ( UN BACIO A LUCIANA ! ) HO SCOPERTO LA PASTA DI ZUCCHERO !!!!!!!
BE'! CERTO NON HO SCOPERTO L'ACQUA CALDA, MA LA PASTA DI ZUCCHERO HA APERTO ORIZZONTI A ME SCONOSCIUTI E CHE MI HANNO PERMESSO DI METTERMI ALLA PROVA CON CREAZIONI ORIGINALI E DIVERTENTI, DI SICURO EFFETTO SCENOGRAFICO!
LA PASTA DI ZUCCHERO E' UNA PASTA MODELLABILE CHE POTETE REALIZZARE A CASA, E SE AVETE UNA BUONA MANUALITA', VI GARANTISCE RISULTATI ECCEZIONALI.
C'E' CHI SCIOGLIE LE CARAMELLE AMERICANE MARSCH MALLOWS PER OTTENERE QUALCOSA DI SIMILE E SICCOME NON HO ANCORA PROVATO QUESTA VERSIONE, NON SO PARLARVI DELLA LORO DIFFERENZA.

INTANTO VEDIAMO COME OTTENERLA:
AMMOLLATE 5 GR DI GELATINA (2 FOGLI E MEZZO) IN UN PIATTO FONDO CON ACQUA FREDDA, PER 10 MINUTI.
UNA VOLTA AMMORBIDITA, STRIZZATELA E PONETELA IN UN PENTOLINO CON 30 GR DI ACQUA E 50 GR DI GLUCOSIO ( A PALERMO LO TROVATE DA "COLLEVERDE", IN UN BARATTOLINO DI VETRO TRASPARENTE).
C'E' CHI SOSTITUISCE IL GLUCOSIO CON IL MIELE, PERSONALMENTE POSSO DIRE CHE CON IL GLUCOSIO E' TUTTA UN'ALTRA COSA!
PORTATE TUTTO ALLO STATO LIQUIDO SENZA FARLO BOLLIRE E SPEGNETE IL FUOCO.
SE AVETE IN CUCINA UN'IMPASTATRICE, SETACCIATE NEL SUO SECCHIELLO 500 GR DI ZUCCHERO A VELO ( SEMPRE DA "COLLEVERDE" VENDONO LO ZUCCHERO IMPALPABILE, COSTA MENO DELLE SINGOLE BUSTE " P.A." ED E' LA STESSA COSA, L'IMPORTANTE CHE NON SIA ZUCCHERO A VELO FATTO IN CASA, PERCHE' NECESSITA DELL'AMIDO IN ESSO CONTENUTO) .
ADESSO UNITE IL CONTENUTO DEL PENTOLINO E INIZIATE AD IMPASTARE (POTRETE UTILIZZARE ANCHE UN ROBOT DA CUCINA).
DAPPRIMA L'IMPASTO VI SEMBRERA' APPICCICOSO,TRASFERITE LA PALLA SUL TAVOLO E AIUTANDOVI CON ALTRO ZUCCHERO IMPALPABILE, LAVORATELO FINCHE' LE VOSTRE MANI NON SI SPORCHERANNO PIU'.
ECCO, QUESTA E' LA VOSTRA PASTA DI ZUCCHERO!
NEI NEGOZI SPECIALIZZATI COMPRATE I COLORANTI ALIMENTARI (SUGGERISCO QUELLI IN GEL, PERCHE' QUELLI IN POLVERE SECCANO UN PO' L'IMPASTO) SCEGLIETE IL SOGGETTO CHE VOLETE REALIZZARE E COLORATELA SECONDO LE VOSTRE ESIGENZE, BASTERA' INFATTI UNIRE POCHE GOCCE PER VOLTA FINO ALLA SFUMATURA DESIDERATA.

SE CON IL MATTARELLO STENDETE LA PASTA SOTTILE POTRETE RIVESTIRE L'INTERA TORTA E ARRICCHIRE POI LA SUA SUPERFICE CON ALTRI DECORI

OPPURE POTRESTE CREARE UN FONDO STAMPATO SULL'OSTIA (COME LA MITICA TORTA IDEATA CON LA MIA AMICA LUCIANA PER SUO FIGLIO, ARRICCHITA DA CANDELOTTI COMMESTIBILI) E DEFINIRLA CON ALTRI DETTAGLI DI PASTA DI ZUCCHERO .
IL SUGGERIMENTO CHE VI DO E' FARE UNA BELLA RICERCA SU INTERNET E PRENDERE SPUNTI SOPRATTUTTO DAI SITI AMERICANI CHE HANNO UNA CULTURA SU QUESTO TIPI DI DECORAZIONI ( LORO LO CHIAMANO "FONDANT" ), STAMPATE IL SOGGETTO CHE VI INTERESSA, MAGARI PIU' VOLTE, RITAGLIATENE LE VARIE PARTI, E DOPO AVER STESO LA PASTA COLORATA, ADAGIATELI SOPRA, INCIDENDOLI CON LA PUNTA DI UN COLTELLO AFFILATO, QUINDI RICOMPONETE IL DISEGNO,CON LE PARTI DI PASTA DI ZUCCHERO,COPIANDOLO DALL'ORIGINALE STAMPATO.
SE POI VOLETE PROPRIO STUPIRE, EVIDENZIATE LE ZONE D'OMBRA, DIPINGENDOLE CON COLORI ALIMENTARI ( COME LA FOTO DI WILLY IL COYOTE).

SE DOVETE ASSEMBLARE PICCOLE PARTI, BASTERA' BAGNARE IL DITO, FARA' DA COLLANTE.
A LAVORO TERMINATO, LUCIDATE TUTTO CON LA GELATINA NEUTRA, QUELLA ADATTA PER LE OSTIE ( ANCHE QUELLA VENDONO DA "COLLEVERDE ")

CARE MAMME FANTASIOSE, SBIZZARRITEVI, STUPITE, INCANTATE I VOSTRI BIMBI....
E SE VI SEMBRA TROPPO COMPLICATO, O NON AVETE TEMPO MA L'IDEA VI ENTUSIASMA, IO E LA MIA AMICA LUCIANA REALIZZEREMO I DECORI CON PIACERE PER VOI....E SE VORRETE ACCOMPAGNARE IL BEL DECORO, A UN BUON SAPORE DI UNA TORTA FATTA IN CASA, LA MIA AMICA ROSA POTRA' AIUTARVI....
SIAMO TRE AMICHE DAVVERO PERICOLOSE IN CUCINA !!!!
UN TEAM EFFICENTISSIMO E CARICO DI BRIO E FANTASIA !!!!!
(P.S: VISTO?? STAVOLTA NIENTE PISTACCHIO !!!!!!!)

Stampa la ricetta

venerdì 13 novembre 2009

Una ricetta francese...belga con gruviere

Ancora verdure...questa è una ricetta di ispirazione francese ma leggermente modificata per renderla più leggera. Mi è stata data da una collega che in Francia, alla periferia di Parigi, ci è nata e vissuta fino a quando, dopo essersi presa il diploma, i genitori di origine siciliana non hanno deciso di abbandonare la Francia e tornare al paese natio. Lei di questa scelta sofferta ne parla ancora e la capisco...non so infatti quanto avrei seguito le scelte dei miei genitori. Considero la Francia uno dei più bei territori d'Europa.

Durante le mie chiacchierate con "la francese", così è chiamata amichevolmente da noi colleghi per via del suo marcatissimo accento, mi sono fatta dare un paio di ricette. Questa è una di quelle e l'ho trovata ottima e molto semplice. Fate sbollentare circa un quarto d'ora la lattuga belga in acqua leggermente salata, poi scolatela per bene, arrotolatela in un una fetta di prosciutto cotto, cospargetela di salsa bechamelle e infine unite il formaggio gruviera grattugiato (va benissimo anche lo svizzero).

Infornare in forno caldo a 180° per circa 20 minuti creando una leggera crosticina sopra. Come si vede dalla foto ho omesso la salsa bechamelle per rendere la ricetta più leggera e devo dire il risultato era eccellente..

La prossima volta che la farò proverò la versione originale e completa, sarà squisita...ma se qualcuno si avventura prima di me...mi faccia sapere!!!


Stampa la ricetta

mercoledì 11 novembre 2009

Quiche di formaggi e zucchine...

Verdure, verdure, verdure...sarà il mio imperativo per quest'inverno...in vita mia ho troppo trascurato questo alimento invece importantissimo nella nostre tavole e soprattutto per la nostra salute!!

Questa quiche è una via di mezzo tra la tradizione e l'esperimento. Per la base ho usato un rotolo di pasta briseè fresca e l'ho riempita con il ripieno di una simil quiche lorraine: un uovo battutto con formaggi vari: parmigiano grattugiato, gruviera e ricotta (al posto della panna). Alla pancetta ho sostituito le zucchinette genovesi saltate in padella con un filo di olio e prezzemolo. Alle zucchine del ripieno ho poi aggiunto come decorazione finale le zucchine grigliate

Ho ripiegato i bordi e tenuta in forno circa mezz'ora a 180 °. Buona buona buona e soprattutto molto decorativa!! Un consiglio: come tutte le torte salate questa quiche si gusta meglio se tiepida ma non fredda.

Stampa la ricetta

sabato 7 novembre 2009

Un poco di colore sulle nostre tavole: macedonia di verdure

L'altro giorno sono stata a fare la spesa al "mercato del contadino". E' una iniziativa molto carina in cui tutti gli agricoltori delle aziende agricole della provincia di Palermo si riuniscono per vendere i loro prodotti, direttamente dal produttore al consumatore, abbattendo in alcuni casi notevolmente i costi. Mi sono quindi sbizzarrita a comprare una quantità notevole di verdura...

Mi sono divertita a cucinare questa macedonia di verdure le cui quantità sono assolutamente secondo il gusto personale. Di questo piatto ne esistono due versioni, una light che prevede l'uso di verdure esclusivamente grigliate, lesse o stufate e una strong che prevede l'uso di frittura...io ho fatto una via di mezzo. Ho fatto appassire in un wok con un goccio di acqua e olio una cipollina rossa e il peperone tagliato a striscioline.

Appena pronte ho aggiunto i pomodorini di pachino tagliati a metà e continuato a cuocere a fiamma moderata.

A fiamma spenta ho infine aggiunto rondelle di zucchine genovesi e melanzane che avevo grigliato nel mentre che cucinava il peperone e cubetti di patata...questa volta fritti...Salate e pepate secondo gusto personale e voilà...il colore è servito


Stampa la ricetta