sabato 21 febbraio 2009

Sagra del mandorlo in fiore e finocchi colorati

La candida fioritura dei mandorli annuncia nella Valle dei Templi il ritorno della primavera. Agrigento centro geografico e storico del mediterraneo, diventa anche il fulcro della concordia e della cultura dei popoli. Lo spirito di gioia, pace e fratellanza che aleggia nell'antica Akragas durante la Sagra del mandorlo in fiore supera ogni barriera ideologica o razziale.

La Sagra del Mandorlo in Fiore nasce nel 1934 a Naro da un'idea del Conte Dott. Alfonso Gaetani, lo scopo era quello di esaltare la primavera agrigentina fornendo una strumento per il lancio e la commercializzazione di alcuni prodotti tipici siciliani. Durante la giornata dedicata alla festa tutto si fermava e sembrava che la "valle del Paradiso" (la valle sottostante il paese di Naro) fosse incantata dalla nube bianca dei fiori di mandorlo, una magia che si ripeteva ogni anno in primavera. Fu lo stesso Conte Gaetani che, rendendosi conto delle prospettive che una magia simile poteva offrire, decise di trasferire la Sagra ad Agrigento, dove avrebbe potuto avere una maggiore risonanza, e mostrare questo splendido spettacolo a tutta l'intera provincia agrigentina.

La festa offriva raduni automobilistici, tornei di pallacanestro, competizioni ciclistiche e podistiche, vetrine addobbate a tema, mini festival della canzone, l'elezione di miss primavera, ma soprattutto sfilate di carretti siciliani addobbati secondo la migliore tradizione popolare e l'esibizione di gruppi folkloristici che danzavano all'ombra del Tempio della concordia.

Il rito dell'accensione del tripode dell'amicizia nasce nel 1956, anno in cui dalla Grecia giunge ad Agrigento, via Brindisi, la torcia olimpica accesa sul Partenone dal sindaco di Atene. La sacra fiamma servirà ad accendere un artistico tripode allestito per l'occasione dinanzi al Tempio della Concordia. Dalla tredicesima edizione la cerimonia della Fiaccola dell'amicizia sarà rispettata ogni anno e segnerà l'inizio della Sagra.




Dai primi esordi spensierati e lieti nella Valle del Paradiso a Naro la Sagra del Mandorlo in fiore giunge ad Agrigento dove assume un aspetto diverso folklorico-musicale, soprattutto con l'introduzione del Festival internazionale del Folklore, ma mantiene sempre vivo il sentimento di gioia e di spensieratezza che il conte Gaetani aveva pensato di trasmettere almeno per un giorno all'anno.

Le foto che ho mostrato in questo post riguardano la sagra che si è svolta quest'anno e sono state scattate da mio cognato Danilo e da Fabio Mollica, mentre per la ricostruzione della storia mi sono avvalsa interamente delle notizie tratte dal sito http://www.mandorloinfiore.net./.

E adesso, traendo spunto dai colori vivaci dei carretti siciliani, vi suggerisco una ricetta semplice e molto veloce un poco simile a quella già proposta da Concy su questo blog.

Sbollentate i finocchi, puliti e tagliati a spicchi, in acqua salata, per 10 minuti circa. A parte fare saltare in padella in olio extravergine d'oliva i pomodorini tagliati a spicchi, il porro e i capperi (e se avete anche le olive nere), salate e pepate.

Ponete i finocchi in una pirofila da forno, adagiate il condimento, condite con un filo d'olio e infornate per 15/20 minuti circa per fare insaporire e finire la cottura.

Stampa la ricetta

13 commenti:

Betty ha detto...

Che bella questa festa, molto colorata come colorati sono i tuoi finocchi, complimenti!
buon w.e.

ღ Sara ღ ha detto...

meravigliosi i mandorli!!! non vedo l'ora che arrivi la primavera!!! che delizia la ricettina!!! complimentisssimi!!

brii ha detto...

e..come d'incanto è sparito il mio commento.
i misteri del web!
elena, grazie per questo bellissimo racconto.
ho visto la valle dei templi un giorno caldissimo di agosto..
l'aria vibrava nel calore, i tempi quasi scottavano..ma non ho resistito non appogiarvi le mani, per toccare e sentire il tempo che è passato.
mi sono emozionata..chissà oggi con i mandorli in fiore...
deve essere magica.
la ricetta salvata...aspetto i pomodori..quelli rossi, profumati, pieni di sole..
buon week end
baciusss

Mirtilla ha detto...

che bellissimo post ele!!
e le foto..meravigliose ;)

Sillaba ha detto...

Il mandorlo in fiore! che ricordi! Quante volte ho vissuto questa festa. Quando abitavo ad Agrigento in questo periodo tutto era una festa ovunque vedevi fiori di mandorlo e balli folkloristici... che bel reportage!

carmen ha detto...

con queste foto sembra già arrivata la primavera, bellissimi i carretti molto colorati, un abbraccio

elisabetta ha detto...

Leggo il tuo bel post e mi riprometto per l'ennesima volta di visitare la Sicilia quanto prima (ci credi? non ci sono mai stata!)

Romy ha detto...

Davvero un bel post....che bella la tua terra! Un bacione :-)

Lo ha detto...

che posti e che foto meravigliose!

Chiara ha detto...

immagino che sia meravigliosa questa sagra!!!
vorrei tanto partecipare una volta, è un pò che lo dico, ma ancora nn ci sono riuscita!
quei posti son ricchi di storia e di bellezza e con i mandorli in fiore ancora più suggestivi!!
grazie mille per avermi regalato un angolo di sagra!!
baci

Anicestellato... ha detto...

Ciao Elena, che belle immagini, grazie!

Il pdf della raccolta è pronto da scaricare volevo informarti e ringraziarti ancora una volta per la partecipazione, un abbraccio

PuntoCroce ha detto...

Un post bellissimo, un richiamo alle tradizioni con foto stupende...
brava Elena!!
Un abbraccio
Maria Rosa

Antonella ha detto...

Ottimi!!! Inseriti nella raccolta ;)
Grazie mille Elena
Un bacione