lunedì 3 agosto 2009

Io e mia commare Karin...

...che storia bella e incredibile la nostra...
Nate entrambe nel 1974, a pochi mesi di distanza, ci siamo conosciute in asilo all'età di quattro anni. Sin dall'inizio abbiamo legato tantissimo perchè eravamo le uniche due bambine che, invece di interagire con gli altri bimbi, piangevano a dirotto nell'attesa che i nostri genitori ci venissero a prendere. Ricordo ancora distintamente le nostre sedioline, preparate sin dal mattino dalle maestre rassegnate, messe l'una di fronte l'altra dietro la porta a vetri della grande palestra e le interminabili chiaccherate consolatorie nell'attesa che suonasse la campanella che metteva fine al nostro strazio...che piano piano strazio non era più visto che potevamo contare l'una nel sostegno dell'altra...ah...come ci capivamo noi...Mi piace ricordare il nomignolo che mi aveva dato "la bambina dal fiocco rosso" per via dei miei capelli lunghi legati in una lunga treccia che mia mamma ogni mattina mi faceva annodandola alla punta con un bel fiocco, rosso appunto!! Eccoci in una delle prime foto che ci ritraggono insieme...

...e ora come allora...sono trascorsi 31 anni...

E mentre noi diventavamo inseparabili, le nostre mamme e i nostri papà facevano amicizia all'uscita di scuola, in apprensione per quelle figlie particolarmente emotive e divenute inseparabili...l'attrazione anche per loro è stata immediata e già dopo due anni ci siamo ritrovati a villeggiare insieme a San Vito Lo Capo e a dividere addirittura la stessa casa...che bellissimi ricordi che ho di questo periodo. Ne ha parlato giusto qualche giorno fa Evelin, la sorella di mia commare...nel suo bellissimo blog Agave. E già perchè Evelin era già ai tempi, di questa allegra comitiva, la più piccolina. E se io dividevo bene la mia vita con la placida Karin, Evelin bene si trovava con mio fratello Angelo, di un paio di anni più grande di noi. Mi sembra di non ricordare un solo giorno in cui le loro ginocchia non si ricoprivano di graffi, scorticature più o meno profonde e lividi vari: in siciliano... 'MPIRUGGHIA PIERI... (piedi incespicanti....). E a proposito...Evelin...ecco Angelo dell'Algeria (questo ragazzo tanto misterioso e generoso con noi piccoli che ricordi nel tuo post) in una foto che ritrae in ordine te, Karin, Angelo dell'Algeria, io e mio fratello Angelo...

In questa foto, scattata sempre nelle nostre vacanze sanvitesi, mia mamma, mio papà, e i genitori di Karin ed Evelin...Francesco ed Emilia

Mentre quì siamo ritratti a Erice...

Passati gli anni dell'asilo io e Karin ci siamo ritrovate a condividere lo stesso banco nelle scuole elementari, la stessa chiesa e lo stesso corso di catechismo, la stessa scuola di danza classica...tutto in simbiosi l'una dell'altra e se posso dirlo..tante sono state le invidie che ci siamo attirate per essere sempre unite ed affiatate...

Da allora le nostre strade, le nostre vite e quelle delle nostre famiglie non si sono mai separate malgrado i nostri studi poi divergessero notevolmente (liceo scientifico e Laurea in Scienze Biologiche lei, ragioniere e perito commerciale e Scienze Politiche io).

Ed eccoci qualche Natale fa Karin, Evelin e io...come tre sorelle....

Non ricordo un solo momento, bello o brutto, non condiviso...festa per la prima comunione, festa per la cresima (a proposito mi ha cresimato sua mamma Emilia e lei è stata cresimata da mia mamma Maria Vittoria), festa per il diploma, viaggi all'estero (indimenticabili, memorabili: Francia, Germania, Austria e l'Italia intera con le nostre famiglie, Praga e Londra pochi anni fa con i nostri mariti...)

E la favola continua ancora oggi...sposate (non con la stessa persona però...) nello stesso anno 2004 a pochi mesi di distanza, testimone lei delle mie nozze e io delle sue, eventi che ci hanno ufficialmente dato il titolo di COMARI che già all'età di sei anni vantavamo, anche i nostri mariti si sono trovati per gusti e simpatia reciproca...e la storia continua con i nostri bimbi: il mio splendido Davide (21 mesi) e la sua bellissima e sempre sorridente principessa Alice (11 mesi)...

Eccoli i papà

Ed eccole le nonne-madrine, scambiarsi i nipotini...una vera emozione per me vedere questa foto...

I miei padrini Francesco ed Emilia oggi...che reputo i miei parenti più stretti pur non essendoci fra noi alcun legame di sangue! Ma l'amicizia si sa...va davvero oltre ...

Mia cara commarella, giorno 7 agosto è il tuo compleanno...spero averti fatto una bella sorpresa e un bel regalo regalandoti questi scatti che ci ritraggono insieme durante questi 31 anni.
Un abbraccio forte forte...
La prossima volta spero di riuscire a pubblicare una ricetta di mia madrina Emilia...il pesce spada alla ghiotta...
Stampa la ricetta

18 commenti:

Anonimo ha detto...

Cara figlioccia, il tuo post ci ha
portato indietro nel tempo e ti ringraziamo per averci fatto rivivere quei bei giorni trascorsi felicemente insieme.
Con affetto i tuoi padrini
Emilia e Francesco

Agave ha detto...

Una bellissima storia di amicizia! Ci siamo conosciuti quando io avevo 2 anni, praticamente vi conosco da sempre, più importanti e presenti di qualunque parente. Ci sarebbero infinite cose da dire, vacanze, domeniche insieme,giochi divertenti (il TG, le lettere agli Europe, i video comici di San Remo, etc), un lungo viaggio per l'Europa con risate indimenticabili...(l'apice, il trenino delle fiabe in Austria...).
Sicuramente questo post sarà il regalo di compleanno più bello per la mia sorellina!
Baci
Evelin

Simo ha detto...

Davvero una splendida amicizia...ormai ce ne sono poche così, tientela stretta!

Dida70 ha detto...

una bellissima bellissima storia!
davvero complimenti a voi tutti per essere delle persone evidentemente fantastiche!!!
un abbraccio Elena, te l'ho sempre detto che ammiro moltissimo la tua famiglia perchè traspare dal modo in cui tu ce ne parli che si tratta di persone con valori veri!
dida

L'Antro dell'Alchimista ha detto...

Uno dei post più toccanti che io abbia mai letto! Bellissimo! Un abbraccio Laura

barbara ha detto...

uau che bella storia, sei molto fortunata ad avere un'amica così particolare, una sorella. Io non sono miai riuscita a trovarne una perche da piccola ho cambiato città 3 volte così era difficile mantentere i rapporti..... bravissime, continuate così :)

manu e silvia ha detto...

Ciao! complimenti...un post davvero molto bello!
avete una spelndida amicizia che vi lega...comne due sorelle...e noi ne sappiamo qualcosa!
Un legame profondo che difficilmente qualcuno riuscirà a rompere...bellissime entrambe!
un bacione

babi ha detto...

Una meravigliosa storia d'amicizia questa, non sai quanto sei fortunata. Anzi, lo sai benissimo! :)

dolci a ...gogo!!! ha detto...

che bella elena questa storia di amicizia cosi forte quasi commovente....un percorso di vita fatto con una amica cosi cara è davvero un dono prezioso e potete ritenervi davvero fortunate!!un bacione imma

Graziella e Imma Sotgiu ha detto...

che bella storia di amicizia e affetto che durano una vita, fa piacere leggerla, comunque sembra siate sorelle, vi rassomigliate, complimenti e un abbraccio caloroso a tutti

karin ha detto...

cara commarella questo è il regalo più bello che potevi farmi,mi hai fatto emozionare!come ogni mattina apro il tuo blog per vedere che prelibatezze hai preparato ed invece con grande sorpresa leggo la nostra bellissima storia di amicizia con tanto di foto!con la mente mi hai fatto volare indietro nel tempo,abbiamo condiviso tanto,è stato un piacere ed un onore conoscerti.che dire commare grazie di cuore!

Ciboulette ha detto...

Adoro queste amicizie di famiglia che si tramandano con le geerazioni! Io sono ( e pure i miei fratelli)cresciuta con le figlie dei migliori amici di mio padre, con i quali ancora adesso condividono momenti di spensieratezza e di preoccupazioni.
Seppure con le mie amiche non ho rapporti quotidiani, le sento come sorelle, e non c'e ricorrenza in cui una si dimentichi delle altre :)

Insomma, ho parlato di me ma perche' mi sono immedesimata, ma la vostra toria e' davvero bellissima :)

mamma ha detto...

Un applauso a mia figlia e un grazie a voi tutti per i vostri commenti .Mi avete emozionato. Fa molto effetto leggere quel che è stato e non poterlo commentare piu' col Comandante che stava sempre al timone .In ogni caso è valsa la pena andare indietro con i ricordi. Brava bimba mia !

Mammazan ha detto...

Cara Elena
mi hai fatto tornare indietro nel tempo ormai lontano in cui mia madre faceva anche a me le trecce e alle tragedie dell'asilo non vissute da me, non me ricordo più, ma da mio fratello che non pianse i primi giorni, ma chiese a nostra madre quanto sarebbe durata quella storia!!!
Anche io sono meridionale e conosco bene l'affetto duraturo che si crea quando si diventa compari o per battesimo, cresima o compari di nozze.
Pensa che dei nostri amici vennero a Torino dalla Puglia per chiedere a mia madre "l'onore" di fare da madrina di cresima per la loro figlia... cose d'altri tempi...
Per le amicizie che nascono da piccoli ho avuto modo di constatare che sono le più belle, le più durature e soprattutto ci accompagnano tutta la vita!!
Unbacio
Grazia

Solidea ha detto...

Adoro leggere di famiglie, di affetti, di complicità, di carezze e parole rassicuranti, di bambini sereni e di vite vissute passo dopo passo in compagnia di cose buone.
..............................

Tittina ha detto...

che bella storia di amicizia vera!!!mi ha commosso leggere il tuo racconto di vita che vi accompagnera per sempre Tittina

Morena ha detto...

Ma che bella storia la vostra, proprio come hai detto tu...non è facile trovare un'amicizia così forte che non si perda con gli anni...si vede che anche voi siete state brave a coltivare la vostra..Complimenti!!!

Anonimo ha detto...

commovente,veramente,non so che dire!anche se io non sono stata toccata personalmente da un amicizia così durevole,sono felicissima quando leggo che delle persone come voi godono l'uno dell'altro da una vita..ve lo meritate!giulia toscanaccia